Nella stagione della mia vita in cui credevo di essere immortale e guardavo al tempo come ad un orologio rotto, ogni cosa mi appariva dotata di una straordinaria carica di effimera nullità, capace tuttavia di dare un senso al tutto, e di tale insanabile paradosso si alimentava, in misura più o meno inconsapevole, la mia esistenza.

Quando poi il tempo ha ripreso a muovere le lancette e nella mia mente si è affacciata improvvisa l’idea del limite invalicabile, ogni cosa mi è apparsa dotata di una straordinaria carica di effimera nullità, incapace per ciò stesso di dare un senso al tutto, e di tale innegabile verità si è alimentata, in misura sempre più consapevole, la mia esistenza.

Ora che il tempo si è rivelato una illusione, simile ad un’ombra cinese nella notte, e la mia mente ha smesso di porsi domande, ogni cosa mi appare come avvolta nella sua giusta luce, come strumento per valicare il limite, e di tale chiara rivelazione si nutre finalmente la mia esistenza.

Potrebbe interessarti anche

Alter Jack's blog

Segui il blog!

Segui Alter Jack iscrivendoti alla sua newsletter. Sarai avvisato via email della pubblicazione di nuovi articoli su questo blog.

Tranquillo, Alter Jack odia lo spam...

 

Grazie, non ti resta che attendere la email di conferma.