Alcuni popoli dell’est hanno una parola nei loro vocabolari per dire “universo” che io trovo poetica e, al tempo stesso, rivelatrice: svemir.  Essa esprime un’idea di quiete senza fine che è diversa da quella dello spazio illimitato, o del “tutto che si raccoglie in uno”, proprio dell’etimologia latina. L’universo diventa il luogo in cui tutto (sve) è pace (mir).

Potrebbe interessarti anche

Alter Jack's blog

Segui il blog!

Segui Alter Jack iscrivendoti alla sua newsletter. Sarai avvisato via email della pubblicazione di nuovi articoli su questo blog.

Tranquillo, Alter Jack odia lo spam...

 

Complimenti, ti sei iscritto con successo!