Vedo gente distratta dal nulla delle cose, compiaciuta della vacuità del proprio essere.

Nell’era della carta, le lettere si nutrivano di inchiostro, di lunghe attese e di ripensamenti. E i fogli si annusavano, prima di essere letti. Ora i pensieri si scrivono con le dita e poi svaniscono all’istante nel vortice della rete.

Passeggio nel vento di scirocco, tra raggi di sole e accenni di pioggia. Libero la mente.

Il giovane pescatore sfiletta a crudo le sue lampughe gettando le lische in mare. Gabbiani striduli frequentano il pontile della paranza, pronti a volteggiare.

Turisti scattano foto ai piedi del castello. Esplorano il vicolo delle Chiazze. E’ l’ora del caffè.

Il Borgo di Celsa sembra centellinare il suo ultimo racconto di fine estate.

Potrebbe interessarti anche

Alter Jack's blog

Segui il blog!

Segui Alter Jack iscrivendoti alla sua newsletter. Sarai avvisato via email della pubblicazione di nuovi articoli su questo blog.

Tranquillo, Alter Jack odia lo spam...

 

Complimenti, ti sei iscritto con successo!