Un cliente, quel cliente, lo stesso che aveva sfidato il suo avversario a cimentarsi in un ballo da equilibrista sulla sua guallera, ha confermato – in questi anni – di possedere qualità che trascendono la pura attitudine al problem solving (quest’ultima, connaturata alla sua indole di risolutore alla Mr. Wolf), avendo dato prova in più di una circostanza di una capacità di analisi e di comprensione dei rischi fuori dal comune, partendo dal puntuale inquadramento psicologico dell’antagonista di turno e privilegiando, a seconda dei casi, un approccio morbido/possibilistico ad uno scettico/pessimistico.
Da ultimo, egli era chiamato a pronunciarsi sulla opportunità di conciliare una controversia (in verità, di poco conto), dovendo però confidare innanzitutto sulla disponibilità, anche economica, della propria controparte. Dopo una rapida valutazione, ha optato per l’approccio del secondo tipo, tratteggiando la personalità dell’interlocutore nei seguenti termini:
Costui ha in testa dei pidocchi così grandi che non bastano scalpello e martello a rimuoverli.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: