Quando il Ponte Dom Luis I mi è apparso davanti, simile ad una torre adagiata su un fianco, lì in basso, tra la Ribeira e Vila Nova de Gaia, la città di Porto aveva già messo il vestito da sera. Sulla collina di fronte, l’antico monastero era immerso nella luce dei riflettori, mentre più a destra si stagliavano nel buio le insegne delle cantine più celebri. Meraviglia.
Porto mi si è svelata come una città ferita eppure magica. Oscura e malinconica nei suoi vicoli abbandonati e nelle antiche ricchezze lasciate all’incuria, meravigliosa e splendida nei suoi profili da cartolina e nell’orgoglio di sentirsi grande.
Vorrei scoprire di più.
Ma ho solo il tempo di catturare immagini.

Potrebbe interessarti anche

Alter Jack's blog

Segui il blog!

Segui Alter Jack iscrivendoti alla sua newsletter. Sarai avvisato via email della pubblicazione di nuovi articoli su questo blog.

Tranquillo, Alter Jack odia lo spam...

 

Complimenti, ti sei iscritto con successo!