Sono lì seduto, in attesa che un numerino lampeggiante corrisponda al mio, stropicciato tra le mani. Un’ora di attesa, forse più, in una sala silenziosa e fintamente ospitale. Osservo l’eterno ripetersi di movimenti inutili, soffermandomi sul volto di ciascuno dei presenti ed immaginandone i pensieri, uguali e contrari. Un’impiegata è addetta alla prima accoglienza, ma la macchina dei numerini le ha tolto il lavoro e la dignità. Un’ora e mezza di attesa. Continuo ad indagare sulle ragioni di una sconfitta, confuso nei gangli mentali di una burocrazia che lascia increduli e stremati al passaggio. Sono lì seduto, ormai parte dell’arredo, in attesa di un numerino lampeggiante che, all’improvviso, si fa parola: vi preghiamo di pensare a bassa voce.

Potrebbe interessarti anche

Alter Jack's blog

Segui il blog!

Segui Alter Jack iscrivendoti alla sua newsletter. Sarai avvisato via email della pubblicazione di nuovi articoli su questo blog.

Tranquillo, Alter Jack odia lo spam...

 

Complimenti, ti sei iscritto con successo!