Ho sempre parlato alle statue. Un po’ meno agli animali. Quand’ero in gita con la scuola dialogavo con quelle dei musei, immaginando di trovarne una disposta a scendere dal piedistallo e a seguirmi per le vie della città, fino a casa. Tra lo stupore primitivo e rozzo dei compagni di classe, ignari del fatto che una statua, per quanto pesante, potesse scrostarsi dal passato e vivere nel presente. Ingenui.

Dialoghi silenziosi e brevi. Mi rivolgevo allo spirito di ciascuna, ponendo quesiti, ricevendo risposte. Interloquivo con l’artista che le aveva plasmate, rendendole immortali. Non importava che lingua parlassero. Contava la vicinanza di un attimo.

Continuo a parlare alle statue. Pietra o gesso o metallo, talvolta non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.

Potrebbe interessarti anche

Alter Jack's blog

Segui il blog!

Segui Alter Jack iscrivendoti alla sua newsletter. Sarai avvisato via email della pubblicazione di nuovi articoli su questo blog.

Tranquillo, Alter Jack odia lo spam...

 

Grazie, non ti resta che attendere la email di conferma.