Se un giorno dovessi lasciarmi per sempre alle spalle questo luogo di mare, sono certo conserverei il ricordo delle sue albe silenziose, molto più che dei tramonti, e dell’aria rarefatta del porto che si risveglia lento nelle assonnate e fredde mattine d’inverno, del rumore dei passi rapidi sul molo e delle sagome spoglie delle barche a vela che sembrano disegnare nel cielo ragnatele. Ecco, serberei per sempre il ricordo del cielo che si colora di arancio. E di quegli attimi di fragile attesa prima del nuovo giorno.

Potrebbe interessarti anche

Alter Jack's blog

Segui il blog!

Segui Alter Jack iscrivendoti alla sua newsletter. Sarai avvisato via email della pubblicazione di nuovi articoli su questo blog.

Tranquillo, Alter Jack odia lo spam...

 

Grazie, non ti resta che attendere la email di conferma.