Ero lì che riflettevo sulla mia esperienza militare, sul senso di solitudine e noia che avevo sperimentato poco più che ventenne, lontano centinaia di chilometri dalla mia isola, in un’epoca in cui la comunicazione era affidata ai telefoni a gettoni e a qualche sporadica corrispondenza epistolare. Settimane, mesi trascorsi nel grigiore di una caserma triste e decadente, ottusa nei suoi ingranaggi e stanca nei rituali. Tempo che scorreva lento e si calcolava ogni giorno alla rovescia, quello che mancava alla prossima licenza. O alla fine della leva.
Ma avanzava sempre tempo per la città, in principio sconosciuta ed estranea, per le lunghe camminate d’evasione, antidoto al grigiore, tra piazze immerse nel sole e imperiosi edifici, gli stretti vicoli e le scalinate ripide che mi rimandavano a Napoli, facendomi un po’ sentire a casa.
Signora del mare, la Superba, una città che imparai così a riconoscere, giorno dopo giorno, come la cantilena dolce e malinconica della sua lingua: dalle alture al fronte del porto, il profilo colorato da cartolina e quello più nascosto. E il tempo sembrò come d’incanto accelerare.

Potrebbe interessarti anche

Alter Jack's blog

Segui il blog!

Segui Alter Jack iscrivendoti alla sua newsletter. Sarai avvisato via email della pubblicazione di nuovi articoli su questo blog.

Tranquillo, Alter Jack odia lo spam...

 

Grazie, non ti resta che attendere la email di conferma.