Ci sono pensieri che passano attraverso la cruna del blog, altri che restano sospesi come in un limbo, avvolti come in un pudore non espresso. Ciò che in fondo separa questo nostro scrivere incerto e forse inutile dalla vecchia amata scrittura, da quel nobile ribollire delle parole sul foglio bianco, è, a tacere dei risultati, soprattutto, il mezzo: il suo dispiegarsi immediato in ogni dove, i suoi orizzonti indefiniti e, in apparenza, senza scopo. In questa terra di confine, nel luogo del non detto, ho qualche volta colto il segno di una affinità, percepito un illusorio istante di vicinanza. Ed ho riflettuto a lungo sulle rette parallele. Strade che si incontrano solo all’infinito.

Pin It on Pinterest