Un castagneto ceduo, stretti sentieri in salita, l’antico eremo scavato nella pietra, i solchi scolpiti dal tempo, poi la cima del monte. Pareti di tufo verde erose dal vento e dalla pioggia. Ho trattenuto il fiato, respirato nuvole, ammirato le distese azzurre e le verdi terre, il mare in basso in lontananza che tutto avvolge.
Con gli occhi in giù la testa sporgo: scenari da vertigine, mutevoli, discese ardite. Tracce di una inquieta e remota origine, tra storia e leggenda. Deve essere davvero la porta di accesso al mondo sotterraneo di Agarthi. O un altro paradiso sulla terra da preservare.

Potrebbe interessarti anche

Alter Jack's blog

Segui il blog!

Segui Alter Jack iscrivendoti alla sua newsletter. Sarai avvisato via email della pubblicazione di nuovi articoli su questo blog.

Tranquillo, Alter Jack odia lo spam...

 

Complimenti, ti sei iscritto con successo!